CAPITOLO 4 Gli AMORI

Scorrere per scoprire di più

4.1 - LE CREAZIONI

Gli orecchini Folklore reinterpretano i motivi e i colori dei ricami russi tradizionali. Realizzati in un’audace lacca rossa, uno tra i colori preferiti di Gabrielle Chanel, sono impreziositi da granati arancio e tsavorite, zaffiri blu e rosa, diamanti e perle.

4.2 - LA STORIA

La leggenda di Coco Chanel rischia di eclissare la donna, Gabrielle. Ma questo è esattamente ciò che voleva, preferendo celarsi dietro il suo lavoro e trarre ispirazione dalle tragedie del passato epico ma mutevole per raccontare la sua vita. Dopo tutto, Gabrielle Chanel era maestra nell’arte della narrazione. Eppure dietro la leggenda c’era una donna, che amava profondamente e viveva appassionatamente.

gli orecchini Folklore

In questo video, la modella indossa gli orecchini Folklore

La modella indossa gli orecchini Folklore

Gabrielle Chanel incontra il Granduca Dimitri Pavlovich a Biarritz, in Francia, dopo l’esilio dalla Russia. Pur privo di mezzi, l’aristocratico sembra una star del cinema e il suo irresistibile fascino russo conquista Gabrielle.

Nella sua versione dei fatti, Gabrielle Chanel avrebbe detto a Dimitri “Ho appena acquistato una piccola Rolls blu, andiamo a Montecarlo.”*

* Paul MORAND, L’Allure de Chanel, 1976, © Hermann p. 154

E così partono, con grande disappunto di un altro russo, il compositore Igor Stravinsky, follemente innamorato di Gabrielle!

Coco Chanel e il Granduca Dimitri
Gabrielle Chanel a Biarritz, in Francia, con il Granduca Dimitri Pavlovich nel 1924, Collezione Chanel © DR - Diritti riservati

In realtà, Igor Stravinsky era sposato e viveva con la famiglia e la moglie malata a Bel Respiro, la residenza di campagna che Gabrielle Chanel aveva offerto alla famiglia Stravinsky per riprendersi dalle vicissitudini trascorse in patria e dove Igor avrebbe potuto dedicarsi alle sue ambizioni musicali. Profondamente riconoscente, Stravinsky le dona in segno di gratitudine un’icona russa, il suo bene più prezioso.

Igor
La lettera di Igor Stravinsky a Gabrielle Chanel
Lettera scritta da Igor Stravinsky a Gabrielle Chanel, giugno 1933, © Fondazione Paul Sacher, Basilea, Collezione Igor Stravinsky.

Traduzione dall’originale:

Il rossetto Chanel sulla fronte di Igor
Perdendo il suo tenero odore
Attende impaziente che un profumo delizioso
Si unisca
Al dolce ricordo del bacio
Dalle labbra d’ardente colore
Di Chanel detta Coco

Ecco, cara Coco, dei versi improvvisati
Che accompagnano “in buon francese”
Un cadeau profumato
Per la festa del diciotto giugno
Dal vostro fedele Igor
Che non crede far nulla di male
Affascinandovi con versi se non forti
Almeno in grado di destare in voi il desiderio
Di renderlo davvero felice

Affezionatamente vostro
Igor

Gabrielle Chanel e Igor Stravinsky in compagnia della coppia José-Maria e Misia Sert
Gabrielle Chanel e Igor Stravinsky in compagnia della coppia José-Maria e Misia Sert, nel 1920, © Fondazione Paul Sacher, Basilea (Fondi Igor Stravinsky).

4.3 - SAVOIR FAIRE

4.3 - SAVOIR FAIRE

Lo Studio Creativo e gli esperti gemmologi collaborano in perfetta armonia. Per la spilla Blé Maria, una suggestiva selezione di tormaline colorate compone il motivo ispirato ai ricami russi. Al centro, uno zaffiro giallo taglio ovale di 28,81 carati. Per la collana Aigle Cambon, è stato selezionato e tagliato in forma ottagonale un diamante DFL di 15,25 carati di assoluta purezza per rappresentare l’iconica Place Vendôme.