CHANEL NEWS

00/8
guests-at-the-show

OSPITI ALLA SFILATA

Haute Couture Primavera-Estate 2009

00/8
monochrome-white

BIANCO MONOCROMO

Haute Couture Primavera-Estate 2009

L'ultima collezione Chanel Haute Couture è come un nuovo inizio: "Una pagina bianca", dice Karl Lagerfeld, "un'interpretazione grafica, lineare e senza tempo. È come un punto di partenza nella storia di questa nuova era, dove tutti i particolari devono ancora essere definiti. Ecco perché ho scelto la carta come tema per la collezione couture di questa stagione". Il forte legame tra Karl Lagerfeld e questo soggetto conferisce a questa collezione una intensità particolare, "È anche il materiale che preferisco... Io amo la carta! Tutto inizia sulla carta. Senza carta sarei perduto!".

Questa collezione è minimalista ed estremamente sofisticata. Tutti i dettagli di lusso, dal ricamo al tessuto, sono più suggeriti che espressi. "È la nuova modestia", dice Karl Lagerfeld. Le silhouette pure e stilizzate spesso combinano solo due elementi: un top corto e una gonna dritta, entrambi caratterizzati da leggerezza e fluidità. Le gonne hanno spacchi discreti. Le maniche nascondono le spalle e consentono libertà di movimento.

Questa collezione monocromatica è prima di tutto un "gioco di linee e forme", continua lo stilista. Alla base troviamo la geometria e la purezza dei tagli, in evidenza l'esplosione floreale del ricamo e dei dettagli minuti che discretamente rendono particolare e unica questa collezione. Il tema floreale lo si ritrova nelle rose e nelle margherite bianche, con fiori e petali ricamati dagli ateliers Lemarié e Lesage. Stesso tema anche per le sontuose acconciature che l'artista giapponese Katsuya Kamo ha creato per la collezione. "C'è qualcosa di simile tra il petalo di un fiore ed un foglio di carta", dice Karl Lagerfeld.

00/5
making-of-the-ready-to-wear-campaign

“MAKING OF” DELLA CAMPAGNA
PRÊT-À-PORTER PRIMAVERA-ESTATE 2009

Una casa nel Vermont

Appena Karl Lagerfeld scoprì questa casa nel Vermont, capì di aver trovato lo scenario adatto per la successiva campagna Chanel. Si tratta di una tipica casa del New England in legno, situata sulle sponde del lago Champlain, immersa in un’atmosfera austera e puritana: sembra quasi che sia rimasta immutata dalla metà del XIX secolo ad oggi. Karl Lagerfeld ha scritto: "Amo questa casa, è così Emily Dickinson", riferendosi al romanticismo tormentato della poetessa americana del Massachusetts il cui lavoro è rimasto sconosciuto mentre era in vita.

Nelle stanze vuote di questa grande casa con sei camere da letto lo stilista ha fotografato Heidi Mount, la ventunenne modella americana di Salt Lake City che ha aperto la sfilata Prêt-à-Porter Primavera Estate 2009.

Karl Lagerfeld ha anche dichiarato che gli scatti della campagna prendono ispirazione dalle opere del pittore danese Vilhelm Hammershoi, i cui interni austeri con inondazioni di luce solare attraverso le finestre fanno naturalmente da sfondo alle silenziose meditazioni femminili.

paris-moscou

PARIS-MOSCOU - SILHOUETTE CHIAVE DELLA COLLEZIONE

Per la collezione Métiers d'Art di questa stagione, dedicata al legame tra Parigi e Mosca, Karl Lagerfeld si è ispirato dall'avanguardia pittorica russa dell'inizio del XX secolo. Virginie Viard, direttore dello Studio creativo Chanel e braccio destro di Karl Lagerfeld, ha selezionato e interpretato i dettagli di una silhouette chiave nella collezione, "l’abito nero in taffeta gioca sul contrasto tra l'architettura geometrica e la delicatezza dei volant in tulle. Questo magnifico capo ricamato, realizzato dall'Atelier Lesage in 110 ore di lavoro, è ispirato alla pittura di Liobov Popova, "Painterly Architectonics, 1918-1919". Sulle spalle, un mantello nero in stile ottomano, tagliato in vita per una maggiore libertà di movimento. I volumi, inoltre, ricordano anche l’architettura costruttivista. La shapka di montone, realizzata dalla Maison Michel, è orlata con frange di perline e una corona d'oro minuziosamente rifinita. Questo abito coniuga le due facce di Mosca: lo splendore di un grande impero e l'audacia della rivoluzione estetica".
Il dipinto che ha ispirato questo abito è parte della mostra "Russian Avant-Garde, collezione Costakis", al Musée Maillol di Parigi fino al 2 Marzo 2009.

Condividere

Il link è stato copiato