CHANEL NEWS

00/17
the-girls-of-the-rue-cambon

LE RAGAZZE DI RUE CAMBON

Prêt-à-Porter Primavera- Estate 2009

00/4
2009-spring-summer-ready-to-wear-show

SFILATA PRÊT-À-PORTER
PRIMAVERA-ESTATE 2009

Rue Cambon si trasferisce nel cuore del Grand Palais

Per la sfilata Primavera-Estate 2009, Karl Lagerfeld ha ricostruito sotto il grande lucernario del Grand Palais la facciata del 31 di rue Cambon in scala 1:1. Notiamo solo un cambiamento importante: la strada, resa famosa da Mademoiselle Chanel, non si estende lungo l’edificio, ma è situata di fronte ad esso e ad esso conduce. Lo stilista ne spiega le ragioni: questo decoro spettacolare non è una riproduzione esatta, è piuttosto un'idealizzazione, una ricostruzione concettuale. Il decoro della sfilata diventa un set cinematografico e la sfilata stessa un cortometraggio dove le modelle interpretano la donna di Parigi. "È proprio come ad Hollywood", dice Karl Lagerfeld.

Nel 1921, Mademoiselle Chanel si trasferì nel centro di Parigi, al 31 di rue Cambon. Il suo appartamento a due piani è tuttora in questo palazzo: quattro stanze piene di tesori conservati con cura e, al piano superiore, i saloni Haute Couture che Mademoiselle Chanel avrebbe usato per le sfilate e che Karl Lagerfeld ha ridisegnato interamente secondo lo spirito originario. I tre atelier Haute Couture sono ancora situati nella parte superiore del palazzo.

00/5
versailles-vu-par-karl-lagerfeld

VERSAILLES VISTA DA KARL LAGERFELD

La mostra fotografica di Karl Lagerfeld sul castello e sui giardini di Versailles si è chiusa da poco, ma il suo progetto continua. Il couturier e fotografo ha intenzione infatti di pubblicare un libro: il ricavato delle vendite contribuirà alle spese di restauro di questo patrimonio culturale. Le ragioni profonde del successo di questa mostra vanno cercate nel subconscio storico dei francesi che apprezzano l’originale punto di vista di Karl Lagerfeld. Lasciando in secondo piano lo splendore architettonico e la gloria monarchica, si concentra invece sulle tristi sculture, sui vicoli tortuosi e sugli stagni torbidi: testimoni della scomparsa di un mondo, chiusi in un silenzio di pietra.

Condividere

Il link è stato copiato