CHANEL NEWS

mobile-art

MOBILE ART - COMUNICATO STAMPA

Dopo Hong Kong, Tokyo e New York, l'avventura artistica di Mobile Art CHANEL Contemporary Art Container di Zaha Hadid si ferma. L'immagine che un tale evento avrebbe trasmesso nelle città successive non sarebbe più stata in sintonia coi tempi.

Esperienza estetica itinerante senza precedenti, Mobile Art è stato accolto, per tutto il 2008, con grande entusiasmo e curiosità in tutto il mondo. L’apprezzamento espresso dai 100.000 visitatori è stato condiviso dall’acclamazione positiva della stampa internazionale che si è tradotta nella vasta copertura di questo evento.

Attraverso una nuova forma espositiva concepita come un percorso sensoriale, Mobile Art ha dato alla borsa matelassé, icona del patrimonio Chanel, un mezzo espressivo attraverso il quale confrontarsi con la creatività contemporanea. Circa 20 opere che traggono ispirazione dalla borsa matelassé sono state esposte nel cuore di un padiglione mobile creato appositamente dal celebre architetto Zaha Hadid, su richiesta di Karl Lagerfeld. Il connubio di originali ed insoliti punti di vista della borsa hanno rinnovato la rappresentazione dell'universo CHANEL.

Un'utopia creata come un'opera d'arte totale, Mobile Art rimarrà un’esperienza ben riuscita e un successo mondiale, riaffermando con forza il legame di CHANEL con la creatività e con le avanguardie.

coco-chanel-on-the-big-screen

COCO CHANEL SUL GRANDE SCHERMO

Quest'anno saranno proiettati nelle sale cinematografiche due lungometraggi dedicati alla sua vita. "Coco avant Chanel", un film di Anne Fontaine con Audrey Tautou, e "Coco Chanel et Igor Stravinsky", diretto da Jan Kounen, con Anna Mouglalis nel ruolo di Mademoiselle Chanel durante il periodo della sua relazione con uno dei compositori più influenti del XX secolo.

Foto: Mademoiselle Chanel a Biarritz, France © TopFoto / Roger-Viollet

00/4
vilhelm-hammershi

VILHELM HAMMERSHOI

Ispirazione per la campagna Prêt-à-Porter Primavera-Estate 2009

Il pittore danese dei primi anni del XX secolo, Vilhelm Hammershoi, ha fornito l’ispirazione per la campagna Primavera-Estate 2009. Karl Lagerfeld nutre una passione per gli interni sobri rappresentati da questo artista che ama avvolgere la vita di ogni giorno in una patina di quiete e di silenzio. Tutti i suoi soggetti ricorrenti: appartamenti vuoti, scenari urbani e ritratti, richiamano sistematicamente un universo chiuso dove regnano la malinconia e il vuoto, temi che attraversano la totalità della sua opera. Questi ambienti focalizzano l’attenzione su un’unica finestra senza tende o maniglie, di solito rappresentata sullo sfondo del dipinto. L'unica fonte di luce è ridotta ad appena qualche raggio di sole, fioco e filtrato.

Si possono notare delle somiglianze con la fotografia del tempo, caratterizzata da scatti in bianco e nero e successivamente colorati. Quando in un'intervista gli è stato chiesto perché avesse scelto il colore neutro (i suoi dipinti hanno colori tenui che vanno dal grigio al marrone), Vilhelm Hammershoi ha risposto: "Sono assolutamente convinto che un dipinto ha il miglior risultato in termini cromatici, se ci sono meno colori".

Hammershoi non si è mai lasciato influenzare dalle rivoluzioni artistiche del suo tempo. Ha mantenuto un certo distacco, limitandosi ad un piccolo numero di soggetti, ha trovato inoltre la sua ispirazione nella pittura olandese del XVII secolo.
Da poco tempo abbiamo riscoperto la modernità dei suoi quadri, contemporanei alla nascita della fotografia e del cinema. La somiglianza tra fotografia e pittura conferisce al lavoro di Hammershoi un carattere ambivalente e crea nei suoi dipinti un'atmosfera sorprendentemente moderna.

00/8
las-vegas

LAS VEGAS – LA NUOVA BOUTIQUE CHANEL

La nuova boutique Chanel di Las Vegas si trova tra due palazzi: l'Hotel Wynn e l'Hotel Encore. I suoi interni oro e beige sono un omaggio all'appartamento di Mademoiselle Chanel al 31 di rue Cambon.

L'architetto americano Peter Marino ha sapientemente evitato i cliché kitsch di Las Vegas, seguendo il rigore e la geometria essenziale tipica degli anni Trenta che caratterizza l’eleganza di Chanel. La boutique include anche un'area interamente dedicata alle borse in pelle esotica. Per l'inaugurazione, il decoro della vetrina è stato concepito sulla base dell’ultima collezione Métiers d'Art, Paris-Moscou.

Condividere

Il link è stato copiato