CHANEL NEWS

00/24
spring-summer-2011-ready-to-wear

PRÊT-À-PORTER PRIMAVERA-ESTATE 2011
BY ELISABETH QUIN

Grand Palais, Parigi, 5 Ottobre

Cos' è successo al Grand Palais? Cancellato, vaporizzato, sostituito da un sogno di pietra, uno straordinario giardino settecentesco, che è anche un'esperienza cinematografica…Martedì 5 Ottobre, 2.800 spettatori incredibilmente calmi, meravigliati come bambini, sono come fermi nel tempo. Qualcosa di speciale sta accadendo. C'è eleganza. C'è poesia. Tre fontane zampillano, la Symphony Orchestra Lamoureux e i suoi 80 musicisti in frac aggiungono una nota magica, insolita a questa sfilata. Siamo sicuramente da Chanel, nel 2011, ma siamo anche sul set di "L'anno scorso a Marienbad", diretto da Alain Resnais nel 1960, e con Kubrick, durante le riprese del film "2001 Odissea nello spazio", tutto ciò crea un’emozione lievemente anacronistica. È un'età mitica, dove le donne sono sensuali con nonchalance, maliziose, ma eleganti, eteree ed intense. Come questa collezione Prêt-à-porter Primavera-Estate 2011. L'immagine della donna Chanel è Delphine Seyrig in Marienbad (vestita da Chanel per il film), ma anche Freja Beha, Stella Tennant e Inès de la Fressange, acclamata con un lungo applauso, un’apparizione chic, con un lungo abito da sera nero, ricamato, con trasparenze e ballerine di raso.
La parola chiave della collezione è leggerezza. Tessuti leggeri, voile nero tinta unita o decorato con motivi raffinati, trame sottili di tulle pregiato. Tantissime piume, sia per il giorno che per la sera, piume ricamate su tweed, sul fondo di abiti corti e perfetti, gorgiere di piume, maniche di piume, piume ovunque, come il vestito in piume di struzzo color pesca, così semplice, ma così sensuale.
Il modo per far nascere il desiderio è rivelare, ma ancora di più nascondere: jeans grigio chiaro o bianchi con fori, strappi sapientemente collocati qua e là su una giacca lasciano immaginare la pelle sottostante.Una uscita di sfilata provoca uno stato di trance, la trasparenza di un abito di voile che mostra quasi tutto, o quasi nulla. Emozione. Uno dei pezzi emblematici della collezione sono i mini-shorts o meglio il tailleur-mini-short. Noi lo adoriamo. È osé, è giovane, è irresistibile. Il modello in tweed intrecciato con argento metallico, con una giacca ampia e la purezza di un top bianco reinterpreta con stile ciò che, fino ad oggi, per la strada, non potrebbe essere considerato molto elegante... questo giocoso micro-abito non è più riservato alle giovani ragazze, ma per Chanel è diventato perfettamente adeguato.
Zeppe di legno, stivali ricamati o provocanti cuissardes di pelle nera, con un abito blu notte con una profonda scollatura a V, o con un vestito di tweed dévorée, la donna Chanel sa di essere attesa e avanza con passo deciso. Come Karl Lagerfeld, come questa collezione, non conosce la nostalgia. Sembra fluttuare verso ciò che l'attende, verso un futuro la cui unica direzione è la libertà. E il desiderio. Come Delphine Seyrig, discreta musa di questa sfilata intima e grandiosa.
Come se il pavimento fosse ancora sabbia grossa, lastre di pietra su cui ho camminato per incontrarti ancora una volta...

Foto: Olivier Saillant

00/12
off-the-catwalk-4

FUORI SFILATA

Sfilata Prêt-à-Porter Primavera-Estate 2011, Grand Palais, Parigi

Foto: Frédéric David

00/13
making-of-the-press-kit

MAKING OF DEL DOSSIER STAMPA

Spring-Summer 2011 Ready-to-Wear
Studio 7L, Paris

Photos: Olivier Saillant

ines-de-la-fressange-tennant-back-on-the-runway

INÈS DE LA FRESSANGE & STELLA TENNANT
RITORNO IN PASSERELLA

Inès de la Fressange sfilerà domani accanto a Stella Tennant per la sfilata Prêt-à-porter Primavera-Estate 2011 al Grand Palais.
Karl Lagerfeld ha rivelato che le due modelle, rispettivamente volti di Chanel negli anni Ottanta e Novanta, appariranno nella campagna pubblicitaria accanto a Freja Beha e Baptiste Giabiconi.

Inès de la Fressange, sfilata Haute Couture Autunno-Inverno 1987
Stella Tennant, dossier stampa. Haute Couture Primavera-Estate 1996

Condividere

Il link è stato copiato