CHANEL NEWS

credits
credits

© Bozzetto di Karl Lagerfeld per l’invito alla sfilata Haute Couture Autunno-Inverno 2016/17.

immersion-in-the-ateliers-rue-cambon

© Bozzetto di Karl Lagerfeld per l’invito alla sfilata Haute Couture Autunno-Inverno 2016/17.

DENTRO GLI ATELIER
DI RUE CAMBON

Entrare in un atelier significa accedere ad una realtà diversa da quella suggerita dalla grandiosità di un marchio. Ė un luogo umile e in apparenza silenzioso, nel quale, una volta entrati, si avverte la presenza umana, accennata discretamente da un respiro, da qualche sospiro qua e là, da un attrezzo appoggiato e poi ripreso, dal fruscio di sete e tulle simile a un mormorio.

Ogni gesto sfida il tempo e la pazienza e, per quanto ogni sarta appaia così completamente immersa nel proprio lavoro da sembrare quasi isolata, tutte lavorano all’unisono, impegnate in uno sforzo collettivo che ricorda la messa in scena di un’opera, dove ogni bozzetto prende vita. L’Haute Couture è anche un’avventura in un territorio sconosciuto, nell’esplorazione dei diversi materiali, nell’intuizione della loro scoperta attraverso mani e occhi, nella creazione di forme e volumi. La materia viene domata e condotta alla perfezione come in una danza.

Questa è la sfida: trasformare le linee di un bozzetto in un’impresa sartoriale, grazie alla forza di dettagli invisibili.

Angelo Cirimele

credits
credits

© Anne Combaz

the-cape

© Anne Combaz

LA MANTELLA

Per la collezione Métiers d'Art Paris in Rome 2015/16, Karl Lagerfeld reinterpreta il collo rotondo detto "Berthe", indossato sopra abiti e cappotti.

SULLE ORME DI ZHOU XUN A PECHINO

credits
credits

© Anne Combaz

metiers-d-art-know-how-1-tweed-and-embroideries

© Anne Combaz

IL SAVOIR-FAIRE DEI MÉTIERS D'ART
1. TWEED E RICAMI

Tutto ha inizio quando Karl Lagerfeld crea i bozzetti delle sue collezioni. I disegni prendono poi forma stimolando le discussioni tra lo Studio, gli atelier e le Maison dei Métiers d’Art.

L’Atelier Lemarié
Utilizzando un campione approvato dallo Studio, il disegno viene creato su carta. Si ritagliano fiori e foglie dalla pelle e quadretti di tweed e pizzo che vengono disposti secondo il disegno, cuciti e abbelliti con strass.

Gli Atelier Chanel
Il pizzo ricamato viene nuovamente inviato a rue Cambon per essere confezionato. La mantella e l’abito vengono messi su un manichino di legno per sarti, per controllare che le proporzioni e il modello corrispondano alla visione originale di Karl Lagerfeld.

Lo Studio di Karl Lagerfeld
La mantella e l’abito vengono arricchiti con gli accessori. Il modello è finalmente pronto per ricevere l’approvazione di Karl Lagerfeld nel corso della prova finale a pochi giorni di distanza dalla sfilata.

La collezione Métiers d’Art Paris in Rome è disponibile nelle boutique.

credits
credits

© Anne Combaz

metiers-d-art-know-how-2-marble-effect-feathers

© Anne Combaz

IL SAVOIR-FAIRE DEI MÉTIERS D'ART
2. PIUME DALL’EFFETTO MARMOREO

Le piume della gonna sono state lavorate prima di essere applicate sulla crêpe georgette, mentre quelle del top sono state ridipinte con un motivo che evoca il marmo, ritagliate e infine cucite sull’organza negli atelier Lemarié.

Per questo modello della collezione Métiers d’Art Paris in Rome 2015/16, Karl Lagerfeld gioca con i contrasti, combina la leggerezza delle piume nere con la potenza dell’effetto visivo suscitato dalle venature marmoree.

Condividere

Il link è stato copiato