spring-summer-2014-haute-couture-by-francoise-claire-prodhon

HAUTE COUTURE PRIMAVERA-ESTATE 2014
DI FRANÇOISE-CLAIRE PRODHON

Una scenografia minimalista determina il tono per la sfilata Haute Couture Primavera-Estate 2014 di Chanel. Sotto la cupola di vetro del Grand Palais, un palco con bianche pareti scintillanti e pannelli in alluminio svela un’ampia scalinata da cui compaiono le modelle all’inizio della sfilata. In questa atmosfera da nigthclub, il musicista Sébastien Tellier, in abito blu e rosa, è accompagnato da un’orchestra dove i musicisti sono tutti vestiti di bianco.

Karl Lagerfeld eccelle nell’arte di conferire all’Haute Couture una nota moderna. Comunica una sensazione di giovinezza, libertà e leggerezza con una collezione priva di dettagli superflui, il cui lusso consiste in una raffinata scelta dei tessuti e nei tagli puliti ed eleganti. Anche se la purezza delle linee è già parte essenziale del vocabolario Chanel, questa è accentuata dalla fresca fluidità riflessa in ciascuno dei 64 modelli della collezione.

Karl Lagerfeld ha concepito nuove proporzioni per il tailleur di Chanel. La vita, stretta dentro corsetti, è accentuata da bolero o da giacche corte e gonne a vita bassa. Gli accessori hanno un ruolo centrale in questa linea strutturata, ma morbida che prevede toppe ai gomiti e alle ginocchia e cinture che danno un tocco “urban chic”. Tweed di maglia e a volte ricamati, tonalità delicate (che vanno dal bianco candido all’avorio, dal rosa cipria al rosa salmone e zucchero filato, grigi perlati e iridescenti, malva e lamé) ammorbiscono queste silhouette grafiche, aggiungendo un tocco di freschezza. Partendo da abiti fluenti e giacche lunghe e strette indossate su pinocchietti attillati, Karl Lagerfeld alleggerisce ancora di più lo spirito della collezione abbinando ogni modello a scarpe da tennis, abiti da sera inclusi.

Questa calzatura sublime mantiene infatti la stessa fluidità, una semplicità di linee che mette in evidenza la leggerezza dei tessuti trasparenti, quali chiffon, pizzo e tulle, e dei tessuti eterei ricamati di paillettes o adorni di piume punteggiate da decori metallici. Per gli agli abiti da sera sono state scelte nuove lunghezze che lasciano intravedere la caviglia. Ancora una volta Karl Lagerfeld ha scelto dei colori freschi, toni perlacei o iridescenti che giocano con la luce, lasciando al tragico nero solo qualche sporadica apparizione.

Disegno di Karl Lagerfeld

Condividere

Il link è stato copiato