coco-and-misia--br---by-justine-picardie

COCO E MISIA
DI JUSTINE PICARDIE

Estratto da “Coco Chanel: the Legend and the Life” (pubblicato da Harper Collins).

“Misia - che era così famosa da essere conosciuta in tutta Parigi con il solo nome - incontrò Chanel nel 1917. A quel tempo Misia era la regina della città, una musa che regnava sull’universo degli artisti fin da quando era giovane, capricciosa e affascinante. Misia faceva legge a sé, seguita da una corte che prestava ascolto a tutto quello che diceva. “Ciò che ammiro in Misia è la joie de vivre sempre nascosta dietro una maschera di cattivo umore; quell’equilibrio perfetto, persino nei momenti di disperazione”, osservò Paul Morand nel suo diario nell’aprile del 1917. “E poi Misia è Misia, una persona senza eguali e, come dice Proust, un monumento”. In quanto tale era stata dipinta da Renoir, Vuillard, Lautrec e Bonnard; aveva ispirato la poesia di Mallarmé, la prosa di Proust, la musica di Debussy e Ravel e le chiacchiere di Cocteau e Picasso. Pianista di talento, da bambina Misia si era seduta sulle ginocchia di Liszt e per lui aveva eseguito Beethoven. “Ah, se solo potessi suonare così”, diceva lui col suo solito charme, e le prediceva un futuro sfolgorante; in seguito Misia prese lezioni di piano da Fauré che la considerava un prodigio. La sua posizione di potere nella cerchia degli artisti parigini si consolidò grazie alla sua amicizia con Serge Diaghilev, direttore dei Ballets Russes, la più importante compagnia di balletto del XX secolo. Mademoiselle Chanel era più giovane di lei di 11 anni e non ancora così influente nella società parigina, ma Misia se ne innamorò durante una cena a casa di Cécile Sorel, un’affascinante attrice francese, già cliente in Rue Cambon.”

Justine Picardie è autrice di cinque libri, tra cui le sue memorie If The Spirit Moves You, acclamate dalla critica, e il suo romanzo più recente Daphne. Ex caporedattore di Vogue e direttore dell’Observer Magazine, oggi scrive per diversi giornali e riviste, tra cui il Times, il Sunday Telegraph e Harper’s Bazar.

Mostra: Misia, la reine de Paris. 12 giugno-9 settembre presso il Musée d'Orsay, Parigi.

Condividere

Il link è stato copiato