Lo sapevi che il tuo browser non è aggiornato?

Per migliorare la tua esperienza sul nostro sito, consigliamo di scaricare la versione più aggiornata di questo o di un altro browser.

Qui di seguito, una lista dei browser più popolari. Clicca sulle icone per accedere alla pagina di download.

  • logo
  • logo
  • logo
  • logo
  • logo
rotate your device

Dal flacone all'ispirazione

IL FLACONE

Una lezione di essenzialità


Nel suo flacone quadrato in vetro finissimo, il profumo appare sospeso come in assenza di gravità. Le 4 pareti trasparenti sembrano dissolversi per lasciar risplendere la fragranza toccata dalla luce. L'etichetta e il tappo hanno la stessa geometria e sono di una tinta lamé indefinibile, tra l'oro e l'argento.

L'interno goffrato della confezione riprende esattamente la silhouette del flacone, come uno scrigno. Una semplicità audace che rivela l'aura solare della fragranza.

"Il lusso è ciò che non si vede." Gabrielle Chanel

LA FRAGRANZA

Una composizione solare


Il profumiere Olivier Polge, in collaborazione con il Laboratoire Parfums CHANEL, ha composto un fiore bianco ideale. L'unico in grado di incarnare la femminilità libera di Gabrielle Chanel.

Un esercizio di stile che consiste nel sublimare la freschezza del fiore d'arancio e l'intensità del gelsomino e nell'accentuare la morbidezza dell'ylang-ylange della tuberosa di Grasse. Immersi nell'astrazione, i fiori si rivelano in una nuova architettura. Molto più di una vibrazione olfattiva, il profumo diffonde sulla pelle un potere unico.

"Ho messo l'accento su note floreali per trovare un nuovo territorio di espressione." Olivier Polge

I FIORI

Un accordo floreale da sogno


Per creare questo fiore immaginario, Olivier Polge sceglie diversi fiori bianchi, tutti emblematici per la Maison.

Il profumiere aumenta l'intensità del gelsomino, rende i petali d'ylang-ylang più vellutati con note di muschi bianchi. Esalta la morbidezza della tuberosa di Grasse con legno di sandalo. Sublima la freschezza del fiore d'arancio con scorza di mandarino, nota di scorza di pompelmo e un tocco di accordo di ribes. Un autentico inno al fiore.

LA RACCOLTA

Un patrimonio leggendario


La Maison si approvvigiona a Grasse da quasi un secolo. Qui, CHANEL perpetua la coltivazione del gelsomino e della rosa. Oggi la coltivazione si estende all'iris, al geranio e alla tuberosa.

I fiori sono lavorati sul posto, per ottenerne la quintessenza e garantirne la resa olfattiva. Esattamente come per la Haute Couture, CHANEL contribuisce alla tutela di un patrimonio unico.

"Per la prima volta, un profumo CHANEL accoglie nella sua composizione la tuberosa coltivata nei campi di Grasse." Olivier Polge

L'ISPIRAZIONE

Un temperamento ribelle


Per creare questo profumo, Olivier Polge, in collaborazione con il Laboratoire Parfums CHANEL, si è ispirato a Gabrielle Chanel, la donna che fu Coco Chanel prima ancora di fondare la sua Maison. Una donna ribelle, appassionata e libera.

"Decisi chi volevo essere, ed è quello che sono." Gabrielle Chanel

IL FLACONE Una lezione di essenzialità

Nel suo flacone quadrato in vetro finissimo, il profumo appare sospeso come in assenza di gravità. Le 4 pareti trasparenti sembrano dissolversi per lasciar risplendere la fragranza toccata dalla luce. L'etichetta e il tappo hanno la stessa geometria e sono di una tinta lamé indefinibile, tra l'oro e l'argento.

"Il lusso è ciò che non si vede." Gabrielle Chanel

L'interno goffrato della confezione riprende esattamente la silhouette del flacone, come uno scrigno. Una semplicità audace che rivela l'aura solare della fragranza.

LA FRAGRANZA Una composizione solare

"Ho messo l'accento su note floreali per trovare un nuovo territorio di espressione." Olivier Polge

Il profumiere Olivier Polge, in collaborazione con il Laboratoire Parfums CHANEL, ha composto un fiore bianco ideale. L'unico in grado di incarnare la femminilità libera di Gabrielle Chanel.

Un esercizio di stile che consiste nel sublimare la freschezza del fiore d'arancio e l'intensità del gelsomino e nell'accentuare la morbidezza dell'ylang-ylange della tuberosa di Grasse. Immersi nell'astrazione, i fiori si rivelano in una nuova architettura. Molto più di una vibrazione olfattiva, il profumo diffonde sulla pelle un potere unico.

I FIORI Un accordo floreale da sogno

Per creare questo fiore immaginario, Olivier Polge sceglie diversi fiori bianchi, tutti emblematici per la Maison.

Il profumiere aumenta l'intensità del gelsomino, rende i petali d'ylang-ylang più vellutati con note di muschi bianchi. Esalta la morbidezza della tuberosa di Grasse con legno di sandalo. Sublima la freschezza del fiore d'arancio con scorza di mandarino, nota di scorza di pompelmo e un tocco di accordo di ribes. Un autentico inno al fiore.

LA RACCOLTA Un patrimonio leggendario

La Maison si approvvigiona a Grasse da quasi un secolo. Qui, CHANEL perpetua la coltivazione del gelsomino e della rosa. Oggi la coltivazione si estende all'iris, al geranio e alla tuberosa.
I fiori sono lavorati sul posto, per ottenerne la quintessenza e garantirne la resa olfattiva. Esattamente come per la Haute Couture, CHANEL contribuisce alla tutela di un patrimonio unico.

"Per la prima volta, un profumo CHANEL accoglie nella sua composizione la tuberosa coltivata nei campi di Grasse." Olivier Polge

L'ISPIRAZIONE Un temperamento ribelle

"Decisi chi volevo essere, ed è quello che sono." Gabrielle Chanel

Per creare questo profumo, Olivier Polge, in collaborazione con il Laboratoire Parfums CHANEL, si è ispirato a Gabrielle Chanel, la donna che fu Coco Chanel prima ancora di fondare la sua Maison. Una donna ribelle, appassionata e libera.