Loading...
  • PERLA DI COLTURA DEI MARI DEL SUD

    Tra la costa nord dell'Australia e la costa meridionale della Cina vengono coltivate alcune tra le perle più belle e più grandi al mondo.

    Le perle dei mari del sud sono caratterizzate da una madreperla di eccezionale spessore, nonché una lucentezza satinata unica, dovuta all'ambiente propizio in cui sono coltivate.

    Le tinte bianche, argentate e oro che le rivestono sono delicate, preziose e caratteristiche delle prestigiose zone da cui provengono.

  • PERLA DI COLTURA DEL GIAPPONE (AKOYA)

    Originarie del Giappone, le perle Akoya sono state coltivate in questi luoghi in maniera tradizionale, per oltre un secolo.

    Prodotte dalle ostriche perlifere più piccole al mondo, le perle Akoya hanno un diametro inferiore a quello delle perle dei mari del Sud. La loro forma perfettamente rotonda e la loro straordinaria lucentezza esaltano la dolcezza dei colori.

    Bianche o crema, le perle Akoya si distinguono per i loro riflessi gialli, rosa o verdi.

  • PERLA DI COLTURA D'ACQUA DOLCE

    Provenienti dai mitili perliferi coltivati nei fiumi della Cina, le perle d'acqua dolce si presentano sotto un'infinita varietà di forme, dimensioni e caratteristiche.

    Si distinguono dalle perle di Akoya per la loro ampia gamma di tinte, che variano dal bianco al rosa, al crema o all'arancio e per le forme imprevedibili.

    Formate interamente da madreperla, le perle d'acqua dolce possiedono una struttura calda e dolce.

  • PERLA DI COLTURA DI TAHITI

    Conosciute con il nome leggendario di "perle nere" le perle di Tahiti sono originarie delle isole dei mari del sud, in particolare delle lagune della Polinesia francese.

    Sono formate da strati perliferi spessi avvolti attorno al centro e si distinguono per la varietà di forme, diametri, qualità e sfumature naturali. L'elevato spessore del manto consente loro di conservare colore, lucentezza ed oriente.

    La gamma infinita di tinte delle perle di Tahiti spazia da un grigio antracite che si avvicina al nero profondo, all'argento, al grigio cenere, ai quali va aggiunta una grande varietà di toni del verde: pavone, verde bronzo, verde anice, verde smeraldo, verde bosco...